Quattro letture per salutare febbraio

Progress with cultureTre giorni pieni di appuntamenti per salutare il mese di febbraio. Lunedì 24 e martedì 25 Lorenzo Pavolini e Vanessa Roghi sono ospiti dell’ITIS B. Pascal di Roma, con Harper Lee e Joseph Conrad. Mercoledì 26 Carola Susani ed Elena Stancanelli sbarcano a Passo Corese, in provincia di Rieti, in compagnia di Vamba e Gianni Rodari. E intanto stiamo preparando un po’ di sorprese per il mese di marzo. Solo un po’ di pazienza…

24.2.2014, ITIS B. Pascal di Roma
Vanessa Roghi e Il buio oltre la siepe di Harper Lee

25.2.2014, ITIS B. Pascal di Roma
Lorenzo Pavolini e Il compagno segreto di Joseph Conrad

26.2.2014, IC Fara Sabina di Passo Corese
Carola Susani, Elena Stancanelli e Il giornalino di Giamburrasca di Vamba
Elena Stancanelli, Carola Susani e La torta in cielo di Gianni Rodari

Piccoli Maestri a L’Aquila, ospiti di SIL

Dall’otto al dieci novembre si svolge a L’Aquila il convegno nazionale Terra e Parole. Donne riscrivono paesaggi violati, organizzato dalla Società delle Letterate, in collaborazione con l’associazione TerreMutloc_sil_donneate e il dipartimento di Scienze Umane dell’università. Ispirata dai luoghi e dalle storie del terremoto che quattro anni fa ha colpito la città e le zone limitrofe, la SIL intende creare un’occasione di riflessione sul pensiero e la letteratura delle donne che si confrontano con il racconto di catastrofi, spaesamenti e traumi inflitti al paesaggio per mostrare la ricchezza dell’approccio femminista nei confronti della terra.

Nel vasto programma della manifestazione, siamo felici di segnalare un appuntamento dei Piccoli Maestri che intreccia la sensibilità di Carola Susani con la scrittura di Anna Maria Ortese. Sabato mattina Carola incontra gli alunni della scuola Rodari e li accompagna tra le pagine del libro L’iguana. Questo incontro rientra tra l’altro in un progetto di laboratori più ampio ospitato dalla stessa scuola Rodari e promosso da ActionAid, che ringraziamo per averci coinvolto direttamente.

Per maggiori informazioni sul convegno, è possibile consultare il sito della Società delle Letteratehttp://www.societadelleletterate.it/2013/09/terra-e-parole/

C’era una volta un gatto

Giovedì 21 marzo Vanessa Roghi ha letto La sirena di Palermo e altri racconti di Gianni Rodari in compagnia di una quarta e di una quinta elementare del Plesso Montessori dell’Istituto Comprensivo Tivoli-Pacifici. La magia che si è sprigionata durante le due ore trascorse con questi ragazzi, la stessa magia che incontriamo sempre più spesso  nelle scuole in cui siamo invitati a parlare dei libri che amiamo, la trovate raccontata (e disegnata) nel report che segue.

castlereadEntrare in una classe delle scuole elementari con l’obiettivo di avvicinare le bambine e i bambini alla meraviglia delle storie, al piacere di inventarle, alla scoperta della possibilità che abbiamo tutti di raccontarle e poi di trasformarle in un testo che può rivelarsi non necessariamente un libro, un racconto, ma un disegno, una recita da mettere in scena in classe con l’aiuto della maestra. Un film, da girare con il cellulare.
Non era la prima volta che lo facevo quando, qualche giorno fa, sono stata invitata insieme a Chiara e Carola a Villa Adriana dalla professoressa Virginia, dirigente dell’Istituto V. Pacifici. Ma era la prima volta che lo facevo da Piccola Maestra. Quindi tutto mi sembrava nuovo, e nuovo il senso di responsabilità che mi animava, che nasce dalla consapevolezza di un lavoro fatto in gruppo, e non più da sola.
Un senso di responsabilità politico, anzi militante.

Una quarta e una quinta elementare: ci siamo seduti per terra in due cerchi concentrici e mi sono presentata: ho chiesto loro se sapevano cosa fosse una sceneggiatura.
Poche mani alzate: è un film, mi hanno detto. Un film, un cartone animato, un fumetto, un telefilm, qualcuno li ha scritti, a volte pensati, addirittura, ecco quella scrittura lì si chiama sceneggiatura ed è forse quella con la quale venite più spesso in contatto, ma non lo sapete, non ve ne rendete conto, perché le parole scritte vengono parlate, ma voi dovete immaginarle, immaginare le persone che le hanno imparate a memoria, o disegnate.
Immaginate.  Continua a leggere