#ricostruiamolastrada

Nella notte del 24 dicembre, a Roma, un incendio ha distrutto parte del centro sociale La Strada. Non sono chiare la dinamica dell’accaduto, né l’entità del danno, ma diversi locali del centro sociale sono inagibili, in particolare gli spazi che ospitano le attività della Scuola Popolare Piero Bruno a cui noi Piccoli Maestri siamo profondamente legati da vecchi rapporti di amicizia (*).

rebuildcsoaL’incendio colpisce tutto il centro sociale, il collettivo e la comunità che da anni anima le attività politiche, sociali e culturali del quartiere. Siamo vicini ai volontari della Scuola Popolare e speriamo che le attività di ricostruzione del centro sociale partano al più presto. Sul sito http://www.csoalastrada.info/ trovate tutte le informazioni per offrire un aiuto, di qualsiasi genere.  #ricostruiamolastrada è il motto di questi giorni.

(*) Due parole sulla scuola popolare Piero Bruno. Il progetto della scuola popolare Piero Bruno è promosso da un gruppo di studenti universitari che, con il prezioso sostegno di alcuni ex-docenti del quartiere, organizza, due volte alla settimana, pomeriggi di affiancamento ai compiti in uno spazio appositamente ricavato all’interno del Centro Sociale La Strada. Continua a leggere

Podcast Piccoli Maestri UndeRadio

L’attività dei Piccoli Maestri nel primo trimestre dell’anno didattico 2013/2014 si chiude con venticinque appuntamenti all’attivo, organizzati principalmente tra le scuole di Roma e Benevento. A cui si aggiungono un centro di lettura nel cuore di Napoli, da cui siamo partiti, e il Museo Agro Pontino, tappa che precede di pochi giorni la pausa natalizia. Prima di pubblicare il consueto e gradito augurio, siamo attratti dall’idea farvi un piccolo regalo, che ci aiuta tra l’altro a raccontarvi il nostro lavoro e, soprattutto, come proviamo a farlo.

underadio_redVi abbiamo già parlato, un po’ di tempo fa, della collaborazione tra Piccoli Maestri e UndeRadio, web radio legata al progetto Save The Children e di come questa collaborazione abbia preso forma in un nuovo format battezzato Audiolibro che periodicamente propone registrazioni degli incontri con i Piccoli Maestri nelle scuole. Ci sembra bello oggi segnalarvi il podcast del primo esperimento, l’incontro del 15 novembre al Liceo Aristofane di Roma, dedicato a Se una notte d’inverno un viaggiatore di Italo Calvino, con il piccolo maestro Emiliano Sbaraglia. Lo potete ascoltare qui.

Ne approfittiamo per segnalarvi un’altra perla targata Piccoli Maestri e UndeRadio; potremmo definirlo un precedente storico di due anni fa circa. Il trenta gennaio del 2012, presso il centro di accoglienza giovanile Matemù a Roma, un gruppo di ragazzi chiacchiera ai microfoni di UndeRadio con Elisabetta Liguori, rivolgendole alcune domande relative al romanzo L’uomo che guardava passare i treni di Georges Simenon. Questo secondo audio lo potete ascoltare qui.

Speriamo che il regalo sia di vostro gradimento. Vi forniremo a breve dettagli sulle sorprese in cantiere per il nuovo anno alle porte. A presto e buone letture.

Piantare ghiande alla scuola media Mazzini

Il 21 novembre Chiara Mezzalama è stata ospite della scuola media Mazzini di Roma. Insieme agli alunni di una prima e al professor Castelli, che ringraziamo per l’invito e per la fiducia riposta nel nostro lavoro, ha parlato del libro di Jean Giono, L’uomo che piantava gli alberi. Qui Chiara ci racconta come è andata. Buona lettura.

gionoalberiQualche giorno fa, pensando all’incontro che avrei avuto con gli alunni della prima media della scuola Mazzini di Roma, ho raccolto delle ghiande in campagna. È con le ghiande che L’uomo che piantava gli alberi di Giono ha trasformato una landa desolata e inospitale in una foresta rigogliosa nel sud della Francia. Elzéart Bouffier ha passato ogni giorno della sua lunga vita a piantare querce. In tre anni aveva già piantato centomila ghiande, di cui soltanto diecimila avevano attecchito. Così racconta Giono e ora ho capito perché. Mi sono accorta, dopo qualche giorno, che le bellissime ghiande che avevo scelto e raccolto erano piene di vermi. Dei piccoli vermi bianchi che scavano un buco all’interno della ghianda e se le mangiano.

Non ho potuto portare le ghiande a scuola come avrei voluto fare, ma l’incontro è andato benissimo, anche senza le ghiande. Continua a leggere

Prossimi appuntamenti nelle scuole

Conclusa ormai la fiera della piccola e media editoria, torniamo a concentrarci sulla nostra attività principale, incontrare cioè  gli studenti nelle scuole e parlare con loro dei libri che amiamo. E ripartiamo alla grande, con una tripletta di appuntamenti su Roma prevista per il dieci dicembre e un mini ciclo a Benevento, dove l’entusiasmo per il lavoro dei Piccoli Maestri cresce quotidianamente.

leggere-insieme
10.12.2013, I.C. Piazza Winckelmann di Roma
Rossella Milone e L’isola del tesoro di Robert Louis Stevenson

10.12.2013, IISS Pertini di Genzano di Roma
Monica Bartolini e I racconti di Edgar Allan Poe

10.12.2013, I.C. A. Fraentzel Celli di Roma
Susanna Mattiangeli e Marcovaldo di Italo Calvino

11.12.2013, Liceo Classico P. Giannone di Benevento
Isabella Pedicini e L’isola di Arturo di Elsa Morante

16.12.2013, Liceo Scientifico G. Rummo di Benevento
Isabella Pedicini e L’isola di Arturo di Elsa Morante

Ringraziamo, come sempre, i docenti e i presidi che continuano a credere nel nostro progetto. La vostra attenzione, i vostri consigli, per noi sono linfa vitale. Per prendere visione dei prossimi appuntamenti è possibile accedere al calendario; per chi ci segue su twitter, segnaliamo l’hashtag #comingsoonPM, che usiamo per notificare le anticipazioni dei prossimi incontri. Buone letture e a presto.

Piccoli Maestri in fiera – #piulibri13 –

susanna

La cosa bella di #piulibri2013 è che incontri un piccolo maestro ogni tre metri. E se non è un piccolo maestro è un professore, un autore interessato ad abbracciare l’iniziativa o qualcuno a cui regali un segnalibro per caso e scopri che collabora con una rivista online e ha scritto quell’articolo bellissimo che l’anno scorso hai twittato per due giorni di fila. Perché se è vero che la fiera è il luogo dove le case editrici si presentano ai lettori, di certo è anche un punto di incontro per gli amanti della lettura. Una cornice ideale per i piccoli maestri insomma.

emilianofede

L’invito a partecipare alla fiera della piccola media editoria è arrivato alla fine di luglio; a un primo aperitivo han fatto seguito fiumi di mail con richieste di informazioni, piccoli contrattempi, proposte e ringraziamenti. Imprevisti a parte, siamo riusciti a mettere in piedi quattro incontri nel programma OFF e una presentazione all’interno della fiera. Una presentazione strana, buffa, multiforme, durante cui Elena Stancanelli ed Emiliano Sbaraglia hanno parlato di volontariato, di entusiasmo, delle difficoltà, di cosa significa portare avanti questa esperienza man mano che il tempo passa. E per tutto questo, per gli incontri con le scuole, per la presentazione, per la gentilezza e la disponibilità mostrate, vorremmo ringraziare il coordinamento di Più Libri Più Liberi, nella speranza che questa collaborazione si rinnovi negli anni. Continua a leggere

Venerdì 6 dicembre ore 16.00 Sala Turchese

Parte oggi la dodicesima edizione di Più Libri Più Liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria in programma da giovedì 5 a domenica 8 dicembre 2013 al Palazzo dei Congressi di Roma. Nei giorni scorsi abbiamo proposto un mini ciclo di letture nelle scuole di Roma in collaborazione con Più Libri Più Luoghi. I libri di cui abbiamo parlato con gli studenti sono stati scelti dal catalogo delle case editrici presenti in fiera. Tutte le sensazioni, le emozioni che abbiamo raccolto parlando con i ragazzi proveremo a raccontarle in un incontro conclusivo all’interno della fiera. A Elena Stancanelli ed Emiliano Sbaraglia l’onore e il piacere di raccontare l’esperienza dei Piccoli Maestri nella scuole.

pm_segnalibroVenerdì 6 dicembre ore 16.00 Sala Turchese
Vengo a raccontarti una storia

I Piccoli Maestri nelle scuole d’Italia
intervengono Emiliano Sbaraglia ed Elena Stancanelli
(qui è possibile prendere visione del programma completo della fiera)

Speriamo di vedervi numerosi. Il vostro sostegno è la linfa vitale che aiuta questo progetto ad andare avanti. A presto e buone letture.

Conrad, intervista impossibile

secretIl compagno segreto di Joseph Conrad è stato il secondo libro letto dai Piccoli Maestri, il 21 novembre del 2011 presso il centro di accoglienza giovanile Matemù.  A distanza di due anni, Lorenzo Pavolini sarà felice di riproporlo, mercoledì 4 dicembre,agli studenti del Liceo Anco Marzio di Ostia. In vista di questo appuntamento, Lorenzo Pavolini ci ha gentilmente concesso di riportare un suo testo, pubblicato in Ti vengo a cercare (Einaudi 2011). Si tratta di un’intervista impossibile a Joseph Conrad. Il compagno segreto, il racconto di cui Lorenzo si accinge a parlare, è al centro delle domande che il bizzarro intervistatore pone a Joseph Conrad. Ringraziamo di cuore Lorenzo Pavolini per questo regalo.

Perché Conrad
Tutte le volte che vedo passare una nave, aliscafo o petroliera, persino i vaporetti in laguna, anche quando una barca di pescatori rientra in porto inseguita dai gabbiani, penso a Joseph Conrad che sta nascosto da qualche parte nello scafo, più esattamente cerco, in un piccolo oblò, di scorgere il suo profilo dubbioso, il suo fragile coraggio. E penso che anche lui ci veda lì a terra. E anzi sospetti con orrore che stiamo per gettarci in acqua per raggiungerlo a nuoto.

Lorenzo Pavolini incontra Joseph Conrad
C – Joseph Conrad
I – intervistatore

C – É notte. Intorno a noi è calato il buio… un buio speciale… di quelle oscurità che scendono dopo il crepuscolo su una terra sconosciuta… in un angolo di mare straniero per sempre… E io che parlo sarei Joseph Conrad. Intanto incedo sul ponte … Ho assunto il mio primo comando oggi stesso, come al solito… Lasciato il porto fluviale di Ho Trubang Feng Yo To Ba eccetera eccetera… Ridisceso la corrente fino alla foce. La bonaccia ora costringe l’imbarcazione (sottovoce) – ci costringe – alla fonda. Nella quiete di vento e sotto un cielo velato di umidità: non vedo nessuno, niente.  Mi sento estraneo alla barca, all’equipaggio… e in fondo anche a me stesso. Capita quasi sempre – dicevo: come al solito – quando sto per cominciare… un racconto.
Continua a leggere

Una cosa piccola ma buona

Giovedì 28 novembre, Federico Platania e Roberto Carvelli sono stati ospiti dell’Istituto Caetani per un appuntamento dedicato al libro culto di Raymond Carver, Cattedrale. L’incontro è stato organizzato in collaborazione con Più Libri Più Liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria e rientra nel programma più ampio di Più Libri Più Luoghi. Ringraziamo la scuola per averci accolto e la casa editrice minimum fax per averci fatto dono di alcune copie del libro da regalare agli studenti. Segue un repor della mattinata, scritto a quattro mani dai due protagonisti, Federico Platania e Roberto Carvelli

carver_all

FP – Piccoli maestri a parte, non metto piede in una scuola da venticinque anni, quindi ogni volta che ci torno sono esterrefatto dal chiasso quasi materico che popola i corridoi, dai cori degli studenti, dall’attrito tridimensionale generato da energia, adolescenza e struttura organizzata. E ogni volta mi chiedo come sia possibile che proprio qui, nel nocciolo del caos, si compia il miracolo dell’attenzione. Poi invece accade sempre. Stavolta è sufficiente che Roberto Carvelli, che mi affianca in questo incontro dedicato a Cattedrale di Raymond Carver, inizi a leggere il racconto che dà il titolo alla raccolta affinché i trenta ragazzi e ragazzi di una quarta e quinta dell’Istituto Caetani ci concedano la loro concentrazione. Continua a leggere